Dall’oro ai contanti, dai contanti a Bitcoin evolution: i progressi della rivoluzione dei soldi

Nel corso degli anni, la tecnologia è diventata un punto fermo nella nostra vita e anche le caratteristiche del trasferimento di geni sono cambiate radicalmente.

Il denaro ha sempre goduto di un continuo sviluppo. Da “denaro” in forma di conchiglie diventavano braccialetti, da monete lucide diventavano banconote di carta. Poi sono arrivate le carte di credito – un pezzo di plastica che permette di raccogliere dati personali e di valore con un solo gesto attraverso il lettore di carte.

Merci in Bitcoin evolution

Nel periodo in cui non c’erano ancora le Bitcoin evolution, le persone si scambiavano semplici oggetti o merci varie per Bitcoin evolution. Poiché spesso non era possibile effettuare uno scambio equo, per esempio lo scambio di una mucca con un pollo, si cercava la possibilità di suddividere il valore di un oggetto di scambio in molte singole parti.

Un esempio di denaro garantito dal valore di un oggetto sono le vecchie perle di vetro russe. Nel XVII secolo le collane di perle di vetro blu cobalto erano utilizzate per il commercio tra la Russia e gli indigeni nell’odierno Canada.

Mostra “Storie sul denaro” di Smithsonian. Fonte: TBN
Gli Handelsperlene, che hanno avuto origine nell’odierna Repubblica Ceca, furono poi utilizzati in tutto il mondo anche come merce di scambio. Naturalmente, il vetro trova il suo valore più nella bellezza che in un buono scambio praticabile, che si rompe molto rapidamente. Ma è un esempio molto bello che tutto ciò che ha un valore riconosciuto dal grande pubblico può essere considerato come denaro in aggiunta al corso legale.

Denaro coperto da materie prime

Quindi, come può una persona ottenere un giusto prezzo per una perlina di vetro, o diciamo un gioiello più prezioso? Mentre alcuni beni potevano essere smantellati in parti singole più piccole, altri beni purtroppo non avevano questa proprietà pratica. Inoltre, il trasporto costante di oro pesante era tutt’altro che efficiente. Era semplicemente troppo difficile gestire il commercio economico globale esclusivamente attraverso il commercio di beni o materie prime.

Il denaro che rappresentava il valore di un bene, d’altra parte, era uno strumento molto più pratico per questo scopo. Ci volle solo il suo tempo perché questa rivoluzione fosse riconosciuta in tutto il mondo.

Un certificato d’oro statunitense del 1934. Fonte: Collezionisti Settimanale
Così, il denaro coperto da merci sotto forma di banconote o monete divenne noto in tutto il mondo.

In questo modo si può utilizzare uno strumento facilmente divisibile che ha ancora il valore di un bene. Spesso l’oro è stato utilizzato anche per questo.

Per molto tempo l’oro è stato una forma stabile e soprattutto divisibile di denaro. In alcuni paesi, l’oro è stato valutato anche per scopi culturali, che ne hanno ulteriormente aumentato il valore globale. Proprio la scarsità di oro è stata la ragione per cui l’oro è stato usato come denaro.

Il dollaro USA era noto per essere coperto d’oro, il cosiddetto gold standard. A quel tempo, nel XX secolo, gli Stati Uniti avevano il più grande stock di metalli preziosi del mondo. Ma le cose sono cambiate e nel 1971 gli Stati Uniti hanno preso una decisione che ha cambiato drasticamente il concetto di denaro.

La Svizzera fonda la crypto trader Task Force – la Germania rimane in pista d’attesa

Il Consiglio federale svizzero ha istituito una task force a catena di blocco per promuovere il loro adattamento nel paese, ha riferito la Handelszeitung in dicembre. Venerdì 12 gennaio il gruppo di lavoro si riunirà per la prima volta. Il loro compito dovrebbe essere quello di chiarire la necessità di un’azione legale nel corso dell’uso anticipato delle valute a catena di blocco e crittografia. Le autorità federali reagiscono così al boom delle offerte di Bitcoin e delle offerte iniziali di monete (ICO) nel paese.

Per far progredire il potenziale pubblico dell’uso della catena di blocco e allo stesso tempo rivelare le conseguenze delle tecnologie emergenti per il Paese alpino, il Consiglio federale, il governo svizzero, ha istituito in dicembre una task force per la tecnologia della catena di blocco.

Attraverso la piattaforma Crowdinvesting Zinsland potete integrare il vostro portafoglio: investite in un progetto di vostra scelta e assicuratevi un rendimento fino al 7% con scadenze tra i 10 e i 30 mesi.

Questo mese riceverai anche un crypto trader bonus di 100€* per il tuo investimento iniziale

Guidato dal ministro delle finanze Ueli Maurer e dal ministro dell’economia e della formazione Johann Schneider-Ammann, il gruppo di lavoro è composto da rappresentanti della Confederazione, dei Cantoni e delle start-up a crypto trader catena di blocchi con sede in Svizzera. In collaborazione con la Segreteria di Stato per le questioni finanziarie internazionali, la crypto trader Task Force esaminerà la struttura giuridica alla luce delle prime offerte di monete e delle società a catena di blocchi e chiarirà l’eventuale necessità di un intervento urgente.

La ragione di ciò è che la catena a blocchi sta diventando sempre più importante per molti settori industriali, ha dichiarato il consigliere federale Schneider-Ammann alla Neue Züricher Zeitung. Ciò richiede un governo liberale “che offra opportunità per la Svizzera come piazza economica e allo stesso tempo riduca i rischi”. A tal fine, si dipende in particolare dalla certezza del diritto.

Questo deve essere creato dalla task force

Schneider-Ammann ha inoltre elogiato la partecipazione delle aziende della Blockchain nel periodo che precede l’incontro iniziale come un risultato speciale.

L’alunno modello Blockchain
Tuttavia, l’istituzione della Task Force è solo un sintomo di un boom di crypto e blockchain nella Confederazione svizzera, che sta bollendo da tempo. La Svizzera sta diventando sempre più un paese pioniere nel continente europeo. In molti paesi alpini si possono trovare esempi di adattamenti di successo della catena di blocco e di cripto entusiasmo. Soprattutto per quanto riguarda l’accettazione di Bitcoin & Co., gli svizzeri sono in anticipo.

Numerose città di tutto il paese lottano per il primato della “Blockchain Capital”. La piccola città di Zugo, conosciuta come “Krypto-Valley”, ad esempio, è oggi conosciuta in tutta Europa e si è sviluppata in una delle località più attraenti per le aziende Fintech. Qui ha sede, tra l’altro, l’associazione Krypto Valley che, con il sostegno del Consiglio federale, persegue l’obiettivo di creare in Svizzera un ecosistema a catena di blocchi leader a livello mondiale.

Altri comuni svizzeri ne seguono l’esempio, come ad esempio Chiasso sul confine italiano. Secondo i media locali, il pagamento delle tasse sarà presto possibile a Bitcoin, come a Zugo.

Un altro esempio viene dalla città medievale di Lucerna. Da poco tempo gli studenti possono pagare le loro fatture qui con Bitcoin. Anche se l’università è la prima in Svizzera ad accettare Bitcoin come mezzo di pagamento, è probabile che ne seguiranno molti altri.

IVA e Bitcoin: il Ministero dell’Economia prende posizione

L’imprenditore svedese di Bitcoin David Helqvist intendeva acquistare e vendere Bitcoin a fini commerciali. Per chiarire se, oltre al prezzo d’acquisto dei Bitcoins, doveva applicare l’IVA sulla tassa che addebitava ai suoi utenti, ha presentato una richiesta vincolante alle autorità fiscali locali. Nel corso del procedimento, i giudici svedesi incaricati della questione hanno chiesto alla Corte di giustizia europea una risposta fondamentale su questa controversa e nuova questione. Oltre alla questione del regime IVA del compenso richiesto dal sig. Helqvist, essi hanno anche chiesto informazioni sul trattamento dell’acquisto e della vendita di Bitcoins in quanto tali.

L’imprenditore svedese di Bitcoin formula David Helqvist intendeva acquistare e vendere Bitcoin a fini commerciali

Per chiarire se, oltre al prezzo d’acquisto dei Bitcoin formula, doveva applicare l’IVA sulla tassa che addebitava ai suoi utenti, ha presentato una richiesta vincolante alle autorità fiscali locali. Nel corso del procedimento, i giudici svedesi incaricati della questione hanno chiesto alla Corte di giustizia europea una risposta fondamentale su questa controversa e nuova questione: Attenzione! Bitcoin Formula 2018 – truffa o funziona? Oltre alla questione del regime IVA del compenso richiesto dal sig. Helqvist, essi hanno anche chiesto informazioni sul trattamento dell’acquisto e della vendita di Bitcoins in quanto tali.

A livello europeo, non è ancora chiaro se i Bitcoin possano passare di mano in mano come il denaro normale senza pagare l’IVA. Se l’IVA fosse applicata all’acquisto e alla vendita di Bitcoin, le conseguenze per gli utenti di Bitcoin in Europa sarebbero gravi. Un commerciante che ha pagato egli stesso in Bitcoins paga prima l’IVA sul suo servizio o prodotto all’ufficio delle imposte. Non appena vende i Bitcoin o acquista nuovi beni con essi, sarà nuovamente soggetto all’imposta sul fatturato. Pagare con i Bitcoins raddoppierebbe quasi il doppio dell’imposta sul valore aggiunto. Il Bitcoin come mezzo di pagamento sarebbe quindi molto difficile o addirittura impossibile da utilizzare nelle normali operazioni commerciali in Europa.

Contenuto dell’input

Nella sua risposta, il governo federale respinge ogni tentativo di applicare analogamente le leggi esistenti al fatturato con Bitcoin. Essa non considera le eccezioni applicabili ai titoli, alle obbligazioni o al denaro. La dichiarazione dà l’impressione che i dipendenti responsabili del Ministero dell’economia abbiano lavorato con particolare attenzione ai dettagli giuridici e sottovalutano l’importanza politica di una tale regolamentazione.

Bitcoin senza soldi
In primo luogo, escludono la comparabilità di Bitcoin con il denaro. Il punto 31 è particolarmente interessante:

Nel caso del corso legale, lo stato usa il suo compito sovrano per determinare e organizzare la moneta dello stato nell’ambito della costituzione monetaria e per prescrivere tale moneta come mezzo di pagamento.

Il denaro nel senso del Ministero dell’Economia è solo ciò che lo Stato dichiara come tale nel suo compito sovrano.

Corea del Sud: uno stato si affida alla Bitcoin code

HOME TECH BLOCKCHAIN SOUTH KOREA: UNO STATO SI BASA SULLA BLOCKCHAIN
Il governo sudcoreano non ha ancora trovato un denominatore comune. In primo luogo, vieta ai suoi funzionari di commerciare e possedere valute criptate. In seguito vieta le ICO nel proprio paese, ma non vuole punire gli investitori. Ora il governo vuole investire molto nella ricerca di progetti

Con l’iniziativa “Blockchain Technology Development Strategy”, il Ministero dell’Informazione e della Comunicazione sta rafforzando lo sviluppo e la competitività del settore privato. Nei prossimi cinque anni il ministero si aspetta una rapida crescita delle applicazioni a catena di blocchi. Anche il governo non vuole perdersi tutto questo. Essa intende investire 230 miliardi di euro (circa 180 milioni di euro) nello sviluppo e nella diffusione, al fine di rafforzare la Corea del Sud come sede di attività commerciali. Il governo vuole quindi comprendere meglio la tecnologia stessa, da un lato, e incentivare il settore privato a svilupparsi maggiormente, dall’altro. L’obiettivo dichiarato è quello di insegnare questa tecnologia a circa 10.000 persone che non sono ancora così profonde nella materia. Il governo sudcoreano si aspetta fino a 100 nuove aziende tecnologiche entro il 2020.

Esempi di progetti a Bitcoin code

La tecnologia Blockchain e Bitcoin code sta guadagnando terreno in tutto il mondo, in particolare in due settori industriali. Le aziende logistiche e finanziarie si affidano molto alla nuova tecnologia. Le molte singole transazioni individuali e le vie di trasporto sono predestinati per l’ingresso nella Bitcoin code. Ad esempio, anche il governo sudcoreano si affida alle applicazioni a catena di blocchi per i suoi sei progetti modello. Una di queste migliorerà anche la logistica nel paese. Inoltre, le proprietà attraverso la catena Blockchain dovrebbe cambiare proprietario più velocemente e meno costoso. Gli acquirenti e i venditori possono firmare digitalmente i documenti e inviarli al notaio e al consulente fiscale. Nelle elezioni, la tecnologia dovrebbe garantire un conteggio rapido e trasparente. La catena a blocchi ha anche lo scopo di garantire la qualità alimentare dei prodotti a base di carne. Ogni fase, dalla produzione al trasporto fino alla vendita, è documentata sulla catena di blocchi. In questo modo i consumatori hanno una visione d’insieme trasparente e possono valutare meglio la qualità della carne.

La Corea del Sud sostiene il Blockchain Research Center con l’equivalente di oltre mezzo milione di euro. I concorsi regolari dovrebbero attrarre i giovani, sviluppare soluzioni creative e metterle in pratica nella catena a blocchi. Inoltre, gli avvocati e gli scienziati della funzione pubblica dovrebbero comprendere meglio la catena di blocco e le valute cripto, in modo che il governo possa emanare le leggi necessarie. Molte imprese, come in molti altri paesi, non dispongono di un quadro giuridico concreto. Nella politica e nel governo statale, d’altra parte, c’è di solito una mancanza di conoscenze specialistiche. I sudcoreani vogliono cambiare rapidamente questa situazione.

Il progetto riduce i costi sociali per la popolazione eliminando processi inefficienti o superflui, spiega il Ministero. In futuro i tempi di elaborazione delle decisioni ufficiali saranno notevolmente ridotti. Sia i cittadini che le imprese beneficiano del risparmio di tempo di attesa per le decisioni.

Inoltre, il progetto va avanti anche nel mercato delle auto usate: Chiunque abbia mai acquistato un’auto usata da uno sconosciuto conosce la spiacevole situazione: la tecnologia è manipolata? È un’ambulanza? Qual è lo stile di guida del venditore? L’acquirente non è disposto a pagare il vero prezzo perché non conosce la qualità reale – un classico esempio di informazione asimmetrica. Il venditore non può assicurare in modo credibile al potenziale acquirente che ha sempre trattato l’auto con cura. Una catena di blocco potrebbe registrare tutti i valori per tutta la vita dell’auto e quindi senza dubbio fornire la prova di acquisto.

La Corea del Sud a diventare senza contanti

Anche la banca centrale sudcoreana dipende fortemente dalla catena a blocchi per il suo progetto “popolazione senza contanti”. Entro il 2020, le monete e le banconote dovrebbero essere ampiamente scomparse dal ciclo economico – un obiettivo ambizioso. Una valuta criptata o almeno una combinazione di Fiat e valuta criptata sarebbe un mezzo provato per raggiungere l’obiettivo più velocemente. A tal fine, è importante prima di tutto informare la popolazione sulle nuove tecnologie e di eliminare qualsiasi preoccupazione.

Finora tutto questo suona come la classica storia della “catena a blocchi invece di cripto”. Nel frattempo, tuttavia, il governo sta anche considerando di allentare lentamente il regolamento, che di recente è stato interpretato in modo rigoroso. La Corea del Sud è un paese relativamente piccolo con un rapido e alto sviluppo tecnologico. L’apertura vissuta per la tecnologia

Che dire di Ledger – Parte 2: IOTAs Tangle and Hashgraphs

Dopo aver spiegato la differenza tra la tecnologia del libro mastro distribuito e la catena a blocchi di ieri, oggi parliamo di due alternative alla catena a blocchi: il groviglio di IOTA e l’Hashgraph. Di dati accurati e alberi in fiore.

Per quanto popolare possa essere la tecnologia blockchain, vengono sempre sollevati alcuni punti critici che mettono in discussione il concetto. Soprattutto la catena a blocchi Bitcoin con il suo processo di proof-of-work richiede ormai molto tempo per confermare le transazioni. Con l’aumento del numero di transazioni da elaborare, la tecnologia sembra essere in ritardo in termini di velocità, lo spazio di memoria richiesto dalla catena di blocchi, la velocità e il risultato non sono più nelle giuste proporzioni. Ci sono diversi approcci a questo problema di scalabilità, due dei quali sono Tangle e Hashgraph. Entrambi i sistemi saranno esaminati in questo secondo articolo della serie “Was zu Ledger”. In questo modo, ci rivolgiamo nuovamente all’utente più avanzato.

Bitcoin trader: allestire il portafoglio IOTA e creare il seme

Groviglio – un groviglio pulito
Proprio come Bitcoin trader la catena di blocchi, il groviglio è una rete peer-to-peer. Questo significa prima di tutto che sono gestiti da attori uguali. Il team IOTA che ha sviluppato il Tangle vuole resistere alla catena di blocco con una migliore scalabilità, transazioni più veloci e più sicure: Attenzione! Bitcoin Trader 2018 – truffa o funziona? Come suggerisce il nome dell’associazione IOTA (Internet of Things Association), la rete è progettata per fornire un sistema di pagamento per l’Internet degli oggetti.

Per questo il DLT sotto IOTA, il groviglio, vuole essere ma non una catena di blocchi. Invece di una blockchain, IOTA utilizza un grafico aciclico direzionale (noto come DAG in breve): a differenza di una blockchain, la cui struttura dati è una lista concatenata, qui un singolo nodo dati ha più di un figlio. Pertanto, questi nodi sono distribuiti liberamente. In contrasto con la catena della catena a blocchi, il groviglio è un groviglio di nodi. Ci sono altre valute crittografiche come il Byteball, la cui struttura dei dati corrisponde ad un grafico aciclico direzionale.

Questa rete di nodi cresce ad ogni nuova transazione. Poiché il groviglio non cresce in una direzione, promette l’elaborazione simultanea di molte transazioni. Pertanto, una parte della rete può essere temporaneamente staccata dal resto e riunita al groviglio in un momento successivo.

Tutti gli inizi sono difficili

Tangle vuole anche differenziarsi dalla catena di blocco Bitcoin nel controllo delle transazioni. Ogni nuova transazione controlla due transazioni esistenti. Questi vengono selezionati in modo casuale utilizzando un algoritmo. Ci sono due criteri principali per la verifica: Non possono essere emessi più gettoni di quanti ne sono disponibili. Inoltre, la transazione deve essere firmata dal legittimo proprietario.

Poiché ogni transazione rappresenta due transazioni già convalidate, la rete diventa teoricamente più sicura ad ogni nuova transazione.

Tuttavia, tutto l’inizio è difficile. La prima transazione, chiamata Genesis, non ha avuto transazioni su cui ricadere. Pertanto, il Tangle opera ancora oggi con un “coordinatore” che conferma tutte le transazioni. È proprio per questo motivo che l’IOTA è controverso nella comunità, nonostante partner di cooperazione ben noti come Volkswagen, Innogy, Telekom e altri. Se la rete è abbastanza grande, questo “coordinatore” non dovrebbe più essere necessario.

Mentre in teoria i problemi della catena di blocco Bitcoin in termini di velocità e prestazioni energetiche sono risolti, il Tangle dubita dell’autonomia della tecnologia.

Hashgraph – Pettegolezzi nell’albero dei dati
Se si pensa alla catena a catena e al groviglio come una rete annodata, l’hashgraph è un albero. Proprio come il groviglio, Hashgraph vuole risolvere il problema della scalabilità. A differenza dello IOTA, tuttavia, qui si tratta “solo” di una struttura di dati senza una valuta criptata associata. Hashgraph è attualmente solo un quadro tecnico e progettato per costruire infrastrutture per le imprese e simili.

La rete offre ora un algoritmo di consenso distribuito. Come con il Tangle, questo permette diversi processi di calcolo parallelo, Hashgraph promette soprattutto di essere più efficiente e più veloce.

L’hashashgraph utilizza il principio Gossip-over-Gossip (gossip over gossip) come metodo del consenso. Gli sviluppatori sperano di aggirare il problema del cosiddetto bug bizantino. In breve.

Rilevanza per l’infrastruttura

Catena di blocchi per la rivoluzione del traffico internazionale dei pagamenti
La catena di blocco sembra essere fatta per casi d’uso del settore finanziario. L’eliminazione di terzi offre un enorme potenziale di risparmio, di cui Bitwala vorrebbe approfittare. L’azienda berlinese vuole, tra l’altro, rivoluzionare i trasferimenti globali di denaro. Invece di lunghi tempi di attesa di più di una settimana per i trasferimenti di denaro, Bitwala consente di trasferire denaro in pochi minuti attraverso l’uso di valute digitali.

Questo viene fatto dal cliente pagando l’importo nel suo paese di origine, cambiando l’importo corrispondente in Bitcoin, trasferendolo nel paese di destinazione e scambiandolo lì per la valuta locale Fiat. Escludendo le interfacce centrali, come la rete SWIFT, dal processo di trasferimento di denaro internazionale, Bitwala è in grado di offrire una tariffa ridotta dello 0,5%. L’innovazione tecnologica offre all’ormai forte team di 15 persone di Berlino un grande potenziale di crescita: Nel 2018, Bitwala si aspetta un volume di 500 milioni di euro per i trasferimenti internazionali di denaro.

Ma non è tutto: la startup sta anche iniziando una battaglia con la Deutsche Bank. Mentre quest’ultima supporta 38 valute per i trasferimenti internazionali di denaro, Bitwala supporta già i trasferimenti di denaro in 30 valute diverse. Entro la fine dell’anno, tuttavia, la Deutsche Bank vorrebbe recuperare il ritardo.

Dov’è la catena di blocchi in Germania?

Una domanda che BTC-ECHO si pone sempre è la questione del progresso delle tecnologie a catena di blocco in Germania. A Distribute 2017 è stata dedicata una sessione di discussione separata a questa domanda, alla quale sono stati invitati alcuni dei relatori. In passato si è ripetutamente criticato il fatto che la normativa tedesca impedisce l’innovazione. Gli interlocutori del Distribute, d’altro canto, sono del parere che le tre sfide seguenti, in particolare, hanno causato difficoltà per la distribuzione a catena di blocco in Germania.

D’altra parte, il noto scetticismo dovrebbe essere considerato anche in termini di effettiva attuazione – si è detto, ad esempio, che la sola Deutsche Bahn impiega già da sei a sette persone che si occupano esclusivamente di tecnologia Blockchain.

Quindi la catena di blocchi è arrivata nel contesto aziendale? Sì, i partecipanti la pensano così. La catena a blocchi è ancora una tecnologia che rende possibili molte cose, ma offre pochi casi d’uso che possono già essere utilizzati nella pratica. Questo è principalmente un problema organizzativo – a livello senior delle aziende, è difficile per i manager di giustificare la gestione della tecnologia blockchain. Ciò è strettamente legato alla “cannibalizzazione degli affari”, come discusso nella discussione. Dal momento che la catena di blocco elimina molti compiti attraverso il suo potere dirompente, dispone anche di alcuni processi di alcuni servizi. Le imprese non sarebbero quindi sempre interessate ad utilizzare le catene di blocchi perché sostituirebbero i modelli di business esistenti e priverebbero molte parti della loro ragion d’essere.

Protezione dei dati

Una delle difficoltà principali – come hanno rilevato i partecipanti alla discussione – è la protezione dei dati. Poiché i cittadini tedeschi hanno in linea di principio il diritto di far cancellare i loro dati, è difficile utilizzare tecnologie a catena di blocco, che consistono quasi nella loro immutabilità e accessibilità al pubblico.

Infine, il Distribute 2017 ad Amburgo ha dimostrato che esistono ostacoli normativi che impediscono l’uso rapido e a livello nazionale della tecnologia a catena di blocco. D’altra parte, startup come Bitwala hanno dimostrato che anche una startup con sede a Berlino può raggiungere un ampio adattamento e implementare le idee corrispondenti con un business case chiaramente definito. Guardiamo al futuro e continueremo a portare avanti i progetti presentati.